domenica 5 gennaio 2014

Buon compleanno TV

In questo blog si è parlato spesso di televisione, con il doppio occhio, critico e al tempo stesso indagatore, curioso, compiaciuto. La televisione fa parte della cultura visuale post-moderna, pur non essendo una vera e propria arte. Però è un mezzo di comunicazione che ha affascinato milioni di italiani nei decenni...ed in particolare la TV aveva un valore proprio quando chiamava nei propri studi anche attori di teatro, ballerine e show-girl di un certo calibro, come le gemelle Kessler.
Questo mese di gennaio non può che iniziare con una commemorazione della nascita della televisione, il 3 gennaio 1954, quando la televisione ha cambiato anche le abitudine degli italiani.
Io ho passato un'infanzia davanti alla televisione, perché quasi sempre malato....per me era l'unico occhio che avevo sul mondo. Anzi, "ockio", come nel sottotitolo di quest'anno...
E la sera arrivava perché c'era un film da vedere in televisione. TV maledetta! Che hai distrutto il piacere del cinema, del libro...
Ma anche questa è retorica....la famiglia gay non distrugge la famiglia tradizionale, così la TV non può distruggere il libro.
Forse possiamo distruggere alcuni protagonisti scomodi della TV. Questo sì. Ma l' Italia si sa, non è un paese rivoluzionario (almeno oggi).
Buon anno.

Carlo Lock.

Nessun commento: