mercoledì 19 giugno 2013

Storie di uomini: Roberto Vecchioni

Anche un'intervista documenta la storia, depositaria di tic, di modi di raccontarsi, di modi di essere. La storia di un uomo.
Così anche questo Roberto Vecchioni versione 1983, ripreso dalla Svizzera Italiana è lontano anni luce da quello di oggi.
Vi si legge qui in questo filmato una strana esaltazione beffarda, un tono di sfida e di provocazione verso i giornalisti "ingessati" che se ne escono con frasi ed espressioni roboanti e retoriche. 
Vecchioni fa il finto modesto, mentre in realtà nasconde una grande superbia, vizio di tutti i professori, del resto.
Oggi,a trent'anni di distanza, è un personaggio posato, sul viso gli leggiamo stanchezza e saggezza e anche un po' di paternalismo.
Ha abbandonato il candore della provocazione adolescenziale, della scontrosità e dell'incomunicabilità di un poeta. 
Del resto, abbiamo detto, parliamo di storia e la storia segna anche e soprattutto l'individualità degli uomini.

Nessun commento: