mercoledì 28 novembre 2012

La giornata contro l' Aids (e contro i sogni)

Oggi  all'università ho visto un giovane di vent'anni che riponeva nella sua borsa un preservativo. Poi si è allontanato dall' aula. Aspettava la sua ragazza. Ed io mi sono detto che è molto bello pensare di scopare tra le mura universitarie....Ora si sarebbe incontrato con la sua ragazza, magari avrebbe fatto una sveltina prima della lezione. Sì, ecco...una sveltina nei bagni. E' molto triste non avere un posto per far l'amore o per scopare. Uno magari è costretto a farlo all'università, se non ha abbastanza soldi o buone occasioni.
Insomma, è bello portare un preservativo all'università, come portarlo a scuola. E' troppo scontato portarlo  a una festa in discoteca o in vacanza o averlo pronto nel cassetto del comodino. C'è gente che ha talmente voglia di sesso che lo vuol fare in università.
Poi ho saputo che il gruppo dell' Arcigay distribuiva preservativi all'ingresso, a scopo dimostrativo.....Ho avuto un colpo al cuore.
Di certo una giornata contro l' Aids ha distrutto una bella fantasia. E come al solito la realtà uccide come una pistola. 

Nessun commento: